sabato 27 ottobre 2012

Pollo alla cacciatora


Qualche mese fa, mio papà ( nato e vissuto a Tuscania) sapendo di farmi cosa gradita mi regalò un libro di ricette tipiche della Tuscia, con tanto di dedica
Il libro è stato scritto da Italo Arieti, che grazie ad una metodica ricerca arricchita dai racconti di mamma Ilde, ha riproposto oltre 400 ricette, spesso indicandone le origini popolaresche dei paesi e delle campagne della zona.
Per me racchiude i ricordi, i sapori e profumi di questa bellissima terra, dove io trascorsi parte della mia infanzia in compagnia della mia adorata nonna Nina.
Coccolata, ma soprattutto deliziata dalla sua speciale cucina.

Ricordo ancora i profumi di quella casa, quei profumi che ancora sono e saranno indelebili
nella memoria, come la sua presenza che è sempre viva dentro di me e con me.
Grazie nonna per aver contribuito a rendere la mia infanzia felice e spensierata, ma soprattutto grazie per avermi trasmesso la passione per l'arte della cucina: eh si ! perchè  proprio di arte si tratta.
Ed ora veniamo alla ricetta  che già conoscevo e che è presente nel libro, ovviamente il pollo va mangiato con le mani e sfido chiunque a non leccarsi le dita!!!
Scusate se non sono stata precisa nelle dosi degli ingredienti,ma la ricetta è così.... un po' ad occhio

INGREDIENTI:
Un pollo da 1 kg.
olive nere ( io ho usato le taggiasche)
2 spicchi d'aglio
2 acciughe dissalate
rosmarino
salvia
peperoncino
capperi
olio evo
mezzo bicchiere di vino bianco
3 cucchiai di aceto

PREPARAZIONE:
In una padella mettere a soffriggere in olio evo un pezzetto di peperoncino, del rosmarino tritato e uno spicchio d'aglio, che toglierete quando sarà imbiondito.
Unirvi il pollo a pezzi, salarlo e lasciarlo rosolare dolcemente.
Quando avrà preso un bel colore oro, aggiungere le olive e mezzo bicchiere di vino bianco, continuando la cottura a fuoco lento con l'eventuale aggiunta di acqua, se necessario.
A parte preparare un trito di capperi, aglio, le acciughe, qualche foglia di rosmarino e di salvia e due o tre cucchiai di aceto.
A cottura quasi ultimata versare la salsa sul pollo e lasciarlo insaporire per alcuni minuti prima di servire


.

23 commenti:

  1. Chiara questo post è commovente...e il tuo pollo succulento :))) baciotto

    RispondiElimina
  2. Belle e ancora più buone le ricette legate ai nostri ricordi dell'infanzia. Mi piace la tua ricetta e anche io penso che il pollo per essere gustato deve essere mangiato con le mani. Buona domenica.

    RispondiElimina
  3. Ottima ricetta,tenero il papà e dolcissima foto,buona domenica da Zagara & Cedro

    RispondiElimina
  4. le ricette con i ricordi sono quelle che ci riscaldano sempre il cuore ....un post commovente...
    ottimo il pollo alla cacciatora..
    lia

    RispondiElimina
  5. Concordo, mi hai un po' commossa. Sono molto sensibile ai ricordi, specie se riguardano i nonni.. deve essere stupendo questo pollo alla cacciatora. Semmai lo preparerò, penserò a te e alla tua cara nonna.. Un abbraccio con tutto il cuore, amica cara.

    RispondiElimina
  6. Bellissime parole mia cara Kiara :) Parole d'amore..e questa ricetta riscalda :)
    Ti abbraccio. Buon w.e. !

    RispondiElimina
  7. un post davvero bello con una ricetta gustosa e dei meravigliosi ricordi di famiglia...complimenti e buon fine settimana!!

    RispondiElimina
  8. Il pollo è uno di quegli alimenti che mangerei sempre!!
    Buonissimo alla cacciatora :-)!
    Buon Sabato!
    Ps: che bel regalo che ti ha fatto il tuo papà!
    Elisa

    RispondiElimina
  9. adoro quei piatti che hanno una storia, dei ricordi e sanno di tradizione...
    Buonissimo piatto, complimenti!

    RispondiElimina
  10. Quelli dei nonni sono i ricordi più belli e che mi riempiono il cuore! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  11. Ciao, anche da me si fa il pollo alla cacciatora e pure la mia nonna era fantastica nel prepararlo, ma da noi viene aggiunto il pomodoro. Proverò anche la tua versione :)
    A presto!

    RispondiElimina
  12. Buonissima e gustosissima ricetta.Complimenti al papà per il regalo !

    RispondiElimina
  13. le ricette della nostra infanzia sono sempre le più buone e tu l'hai realizzata magnificamente!
    un bacio

    RispondiElimina
  14. davvero un regalo prezioso! il pollo preparato così è veramente saporito, buonissimo! baci e buona domenica!

    RispondiElimina
  15. Un regalo meraviglioso! Che bel post!!^^
    Il pollo non so proprio cucinarlo..questa potrebbe essere una ricetta da provare, sembra facile e d'effetto! Grazie!

    RispondiElimina
  16. Che bel pensiero ha avuto tuo padre soprattutto a dedicarti un libro che racchiude un po' della vostra storia!! Lo custodirei con tanto tanto amore e gelisia!
    http://basilicopistacchioenonsolo.blogspot.it/

    RispondiElimina
  17. Sono commossa è un bel regalo!!1
    bella te e la tua nonna.
    Il pollo e strabuono fatto in questo modo.
    baci a presto
    Inco

    RispondiElimina
  18. Bellissimo regalo! Il pollo è come lo prepara la mia mamma ed è sempre festa!!!

    RispondiElimina
  19. Kiara, Tuscania è meravigliosa!! La mia mamma è originaria di Marta, anche se da quando aveva 19 anni vive a Grosseto, ed io ho vissuto tanti anni a Viterbo ai tempi dell'Università! Che bello leggere questo post! Grazie :)

    RispondiElimina
  20. Che dolce il tuo papà, ti ha fatto un regalo bellissimo e pieno di amore :) Questi sono i regali più belli, in assoluto, non hanno pari! :) Che belle tu e la tua nonna... e questo pollo è invitantissimo, sento il profumino fin qui, sai? :) Un abbraccio, bravissima :) Buona serata!

    RispondiElimina
  21. dolcissimo post....
    e ricetta saporita e golosa
    ciao da claudette

    RispondiElimina
  22. un piacere conoscerti Kiara... son felice tu sia passata da me così ho avuto il modo
    .. e molto appetitosa questa ricetta =) sto preparando anch'io pollo oggi .. a presto cara

    RispondiElimina
  23. ottimo!!! davvero goloso!!! lo provo domenica!! un abbraccio!

    RispondiElimina