sabato 18 ottobre 2014

Treccia brioche sultanina


Si lo so !! sono mancata per qualche giorno ma senza dimenticarmi di voi e del mio blog.
Guardate cosa vi ho preparato ; perfetta per il week end e per la colazione in famiglia !!
Una trecciona profumata e dal sapore che ricorda molto il panettone, la sua preparazione richiede un po' di pazienza ma sarete ripagati per l'attesa.
Buon fine settimana a tutti.

Ricetta Andrea Aiello
Ingredienti :
per la biga
100gr. di farina forte w 400
5 gr. di lievito di birra
50gr. di acqua
per l'impasto
Biga +
450gr. di farina 0 w300-330
60gr. di burro a temperatura ambiente
120gr. di zucchero
120gr. di latte
160gr. di tuorli
20gr. di acqua
2 cucchiaini di miele
4gr. di sale
1 bacca di vaniglia
la scorza di un'arancia
250gr. di uvetta sultanina

Preparazione:
Preparare la biga facendo sciogliere il lievito nell'acqua, unirlo alla farina e impastare.
Formare una palla e far riposare per 24 ore in una ciotola coperta con della pellicola alla temperatura di circa 20°.
La biga a differenza degli impasti deve maturare e avere un aspetto molto grezzo, la sua funzione è quella di dare al lievitato più morbidezza e digeribilità, aumentandone anche i tempi di conservazione.
Il giorno successivo preparare l'impasto mettendo in planetaria la biga, la farina , lo zucchero, il latte il miele con gli aromi e i tuorli.
Mentre impastate fate attenzione a non superare la temperatura di 26°, per non correre questo rischio potete usare sia il latte che le uova fredde di frigorifero.
Azionate l'impastatrice e portate l'impasto quasi a incordatura, aggiungendo man mano l'acqua.
Unire il sale e quando l'impasto sarà liscio ed elastico aggiungere poco per volta il burro che dovrà essere molto morbido.
Non aggiungere la dose successiva fino a quando quella precedente non sarà assorbita completamente.
Aggiungere per ultimo l'uvetta  
Versare l'impasto su di un piano da lavoro e con le mani finire di impastare facendo incorporare per bene l'uvetta.
Formare una palla, riporla in un contenitore coperto e mettere in frigorifero per circa 12 ore o fino al suo raddoppio.
Tirare fuori dal frigorifero e far acclimatare per circa 2 ore.
Rovesciare l'impasto su di un piano da lavoro e dividerlo in tre parti uguali, formare dei filoni e formare la treccia.
Riporla su di una teglia rivestita di carta forno, coprire con pellicola e far lievitare fino al raddoppio alla temperatura di 26/28°( per me in forno con luce accesa)
Spennellare la treccia con un tuorlo leggermente sbattuto, cospargere con dello zucchero e far cuocere a forno statico alla temperatura di 180° per 50 minuti circa ( i tempi e le temperature sono indicative perché possono variare a seconda del forno).









8 commenti:

  1. Bentornata!
    Ci vuole tanta pazienza con i lievitati, tempo, passione e tu hai fatto un lavoro straordinario. Il profumo di questa treccia arriva fino a qui, ottima per la colazione e non solo. Complimenti e buon sabato!

    RispondiElimina
  2. che meraviglia.. è stupenda.. chissà che profumo, che sapore... unici!

    RispondiElimina
  3. deliziosa trecciona,brava
    felice sera

    RispondiElimina
  4. E' perfetta! Sei proprio brava... e le tue foto con tutti quei colori tenui, spettacolari!!! Un bacio!

    RispondiElimina
  5. meravigliosamente perfetta!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  6. arrivo tardi, perché il week end è terminato ma prendo comunque una fetta perché l'inizio della settimana necessita di forze!!!Super dorata e ricca....perfetta direi!

    RispondiElimina
  7. I lievitati hanno su di me un fascino tutto loro!!! Complimenti

    RispondiElimina